secondo passaporto
Spread the love

Molti considerano l’acquisizione di una residenza in paese a bassa o nulla tassazione come il passo unico e fondamentale per essere finanziariamente liberi e sovrani di se stessi; ma è realmente così?

Nel corso della mia carriera ho accompagnato molte persone nel loro processo di internazionalizzazione, ma ben poche, veramente poche, possono dirsi realmente “sovrane di se stesse”. 

La residenza è senza dubbio importante, un mattone fondamentale nel processo di internazionalizzazione, ma non è l’unico. E’ possibile acquisire senza troppa fatica una residenza tax free negli Emirati Arabi Uniti, piuttosto che a Panama, ma in entrambi i casi la nuova “libertà acquisita” rimane strettamente correlata alla possibilità di rinnovare il passaporto italiano. 

Senza un valido passaporto non si rinnovano i permessi di residenza e soprattutto non si viaggia fuori Europa. 

Allo stesso modo, altra faccia della stessa medaglia, è l’acquisizione di un secondo passaporto. Si può benissimo diventare cittadini di Antigua, Dominica, Grenada, ma se la propria residenza rimane in Italia a livello fiscale non se ne trarrà nessun beneficio. 

A tutto questo si andrà poi a sommare la strutturazione societaria, bancaria, assicurativa, e non da ultimo successoria. 

Una pianificazione ben fatta deve tenere conto di tutti questi fattori. 

Per questo motivo ho deciso di creare secondopassaporto.com, facente sempre capo a Prestige Corporate Services Middle East, con lo scopo di fornire un servizio realmente completo ed integrato. 

Ho inserito dei precisi criteri reddituali e patrimoniali per accedere a questo nuovo servizio ed il motivo è semplice: chi diventa cliente sarà seguito in tutto il processo di internazionalizzazione, ed i vari step saranno costruiti basandosi sulla loro efficacia, non sul prezzo. 

L’acquisizione di un secondo passaporto sarà il primo ed obbligatorio step, senza il quale non si potrà accedere ai successivi. 

Il secondo step riguarda la residenza, la situazione personale e se del caso, famigliare; si tratterà quindi di individuare banche, strategie e servizi finanziari ai quai rivolgersi per tutelare e accrescere il patrimonio esistente, la propria salute e quella dei propri cari. 

Il terzo riguarda la strutturazione societaria (ove necessaria). 

Il quarto la pianificazione successoria attraverso l’uso di trust e fondazioni.

Tutto sarà pianificato e programmato fin dalla iniziale consulenza, necessaria per stabilire finalità e complessità del progetto. 

Di Andy

International Tax Planner and Offshore Services Provider.