Portorico: soluzione bancaria offshore ideale.

Please follow and like us:
Portorico

Con la fuga di documenti dei Paradise Papers del 2017 il mondo offshore è finito nuovamente sotto l’attenzione del pubblico internazionale.

I titolari di conti e attività offshore sono stati ancora una volta additati come delinquenti da giornalisti e commentatori che confondono spesso ciò che è legale e ciò che – a loro avviso – è più o meno etico.

Certo, tra i vari nomi emersi vi saranno di sicuro dei criminali ma la maggior parte non lo sono.

E’ forse immorale cercare di proteggere il proprio patrimonio da chi vede nei cittadini un bancomat per ripianare il debito pubblico ?

E’ forse immorale voler salvaguardare i propri beni da istituti bancari fallimentari, leggi incerte o Pubblici Amministratori incapaci che con le loro esternazioni e prese di posizione affossano giorno dopo giorno un Paese?

Se ritieni che sia sempre più difficile proteggere i tuoi beni, hai ragione. Le opzioni si riducono sempre più, e le soluzioni diventano sempre più complesse e costose.

Prendiamo Singapore, per accedere al Private Banking di DBS è richiesto un deposito iniziale di almeno 3.000.000 Euro.

Quali soluzioni sono quindi disponibili per il “piccolo” risparmiatore che non vuole sobbarcarsi dei costi di una complessa struttura offshore ?

Portorico è una di queste;un territorio non incorporato negli Stati Uniti (o se vogliamo uno stato associato), un’ isola nel Mar dei Caraibi, tra la Repubblica Dominicana e le Isole Vergini Britanniche.

Le particolari leggi fiscali e gli accordi con gli Stati Uniti d’America consentono ai cittadini non americani di godere dei privilegi della più grande nazione offshore al mondo senza però subirne gli svantaggi.

Ma quali sono questi vantaggi ?

  1. Come territorio associato agli US, Portorico non sottostà alla legislazione FATCA.
  2. Allo stesso tempo Portorico (come gli USA) non ha aderito al Common Reporting Standard (CRS), di conseguenza nessuna informazione di carattere fiscale esce dalle locali banche.

Consideriamo un ultimo punto. Quando si parla di Paradise Papers e Panama Papers il sospetto è che l’iniziativa sia partita dagli Stati Uniti. Non per questioni etiche ma per semplice tornaconto; abbiamo visto che gli US sono a tutti gli effetti la più grande giurisdizione offshore al mondo quindi è facile intuire che mai e poi mai andranno a colpire i loro stessi interessi mettendo in difficoltà il settore finanziario Portoricano.

Please follow and like us:

Andy

International Tax Planner and Offshore Provider www.prestige-planning.com