apple corte di giustizia europea
Spread the love

La Commissione Europea ha subito un duro colpo nella sua battaglia per impedire agli Stati membri dell’UE di concedere accordi fiscali alle multinazionali dopo che la Corte di Giustizia ha stabilito che Apple non dovrà pagare 13 miliardi di euro di tasse arretrate al governo irlandese.

La Corte ha ritenuto che l’organo esecutivo dell’UE non fosse riuscito a dimostrare che Apple avesse beneficiato di un presunto accordo illegale con le autorità irlandesi.

La stessa Commissione ha cause attive contro Ikea e Nike per presunti accordi concessi questa volta dal governo olandese. A marzo Bruxelles ha inoltre avviato un’indagine sul trattamento fiscale concesso dal Lussemburgo alla società finlandese di imballaggio alimentare Huhtamäki.

Il governo irlandese, che ha cercato di proteggere il suo regime di bassa tassazione, ha accolto con favore la sentenza del tribunale dell’UE.

“L’Irlanda è sempre stata chiara sul fatto che non è stato previsto alcun trattamento speciale. L’Irlanda ha presentato ricorso contro la decisione della commissione sulla base del fatto che l’Irlanda non ha concesso alcun aiuto di Stato e la decisione odierna della corte sostiene questa opinione”.

Quattro anni fa la commissione aveva ordinato ad Apple di pagare una tassa lorda sui profitti in tutto il blocco europeo per un periodo di 11 anni tra il 2003 e il 2014.

La multinazionale, la cui sede centrale si trova a Cupertino, in California, è stata in grado di utilizzare due società costituite in Irlanda, con l’accordo delle autorità fiscali locali, per dichiarare gli utili a livello europeo a tassi effettivi ben al di sotto dell’1% – e fino allo 0,005% nel 2014.

Ma la Corte di Giustizia ha sentenziato che la Commissione non è riuscita a dimostrare al livello legale richiesto che c’è stato un vantaggio per Apple.

Tove Maria Ryding, coordinatrice della giustizia fiscale presso la Rete europea per il debito e lo sviluppo, ha detto che la decisione ha evidenziato l’inadeguatezza degli strumenti dell’UE nella lotta all’evasione fiscale delle imprese.

Accogliendo positivamente la sentenza (ma va’?) , ha così dichiarato un portavoce della Apple: “Questo caso non riguardava le tasse che paghiamo, ma dove siamo tenuti a pagarle. Siamo orgogliosi di essere i più grandi contribuenti del mondo, perché conosciamo l’importante ruolo che il pagamento delle tasse svolge nella società.”

“Apple ha pagato più di 100 miliardi di dollari di imposte sul reddito delle società in tutto il mondo nell’ultimo decennio e decine di miliardi in più di altre tasse. I cambiamenti nel modo in cui i pagamenti delle imposte di una multinazionale sono ripartiti tra i diversi Paesi richiedono una soluzione globale, e Apple incoraggia questo lavoro a continuare.”

“Siamo anche orgogliosi di essere un potente motore di crescita economica in Europa. L’anno scorso abbiamo speso oltre 13 miliardi di euro con 4.500 fornitori di tutte le dimensioni. La nostra innovazione e i nostri investimenti sostengono più di 1,8 milioni di posti di lavoro in tutta l’UE”.

La sentenza è solo l’ultimo colpo inferto a Margrethe Vestager, che è stata pioniera nella repressione dell’evasione fiscale da parte delle imprese statunitensi durante il suo periodo come commissario della concorrenza dell’UE.

La Corte ha rovesciato la richiesta della commissione di Starbucks di pagare fino a 30 milioni di euro di tasse arretrate alle autorità olandesi. In un caso a parte, il tribunale ha respinto una decisione della commissione contro un regime fiscale belga per 39 multinazionali.

L’Irlanda perde il diritto a 13 miliardi di euro di imposte arretrate in un periodo di recessione economica, ma afferma che la decisione offre maggiori opportunità a lungo termine.

Multinazionali come Facebook e Google rappresentano un posto di lavoro su 10 in Irlanda, con 13.867 ruoli netti aggiunti nel 2019, poco meno del record di 14.000 posti di lavoro guadagnati da tali imprese nel 2018.

Di Andy

International Tax Planner and Offshore Services Provider.