uae cripto fintech
Spread the love

Gli Emirati Arabi Uniti (UAE) sono pronti a rilasciare licenze cripto per i fornitori di servizi di asset virtuali ( Fintech-VASP) entro la fine del primo trimestre, nel tentativo di attirare alcune delle più grandi aziende di criptovalute del mondo.

Binance Holdings Ltd., il più grande exchange di criptovalute al mondo per volume di scambio, è tra quelli che stanno considerando una maggiore presenza nel paese. Un sistema di licenze cripto a livello nazionale per le aziende fintech potrebbe aiutare gli UAE a competere meglio con i centri finanziari rivali come Singapore e Hong Kong, che sono anche nel mezzo della creazione di ambienti completamente regolamentati per il trading di criptovalute.

Alcune delle Free Zone della nazione hanno già rilasciato permessi per i VASP. Dubai Multi Commodities Centre ne ha autorizzati 22, mentre Abu Dhabi Global Market ne ha sei e Dubai Silicon Oasis Authority ne ha almeno uno. Il Dubai International Financial Centre, che è l’hub mediorientale per la maggior parte delle banche di Wall Street, non ne ha nessuno per ora.

Nel tentativo di attirare più provider, gli Emirati Arabi Uniti hanno completato una valutazione del rischio alla fine dello scorso anno, coinvolgendo 14 agenzie del settore pubblico e 16 attori del settore privato. 

Mentre c’è un “alto rischio” che i VASP possano essere utilizzati per impegnarsi in schemi finanziari illeciti, il governo ha concluso che una regolamentazione adeguata, piuttosto che un divieto assoluto, può mitigare queste minacce.

Abu Dhabi ha preso in considerazione l’ultima guida della Financial Action Task Force (FATF) di Parigi, così come le strategie impiegate negli Stati Uniti, nel Regno Unito e a Singapore. L’apertura al settore riflette il modo in cui gli Emirati Arabi Uniti abbracciano la tecnologia ed al futuro. 

Il paese sta adottando un approccio ibrido alla supervisione. La Securities and Commodities Authority gestirà la regolamentazione con l’input della banca centrale, mentre i centri finanziari locali potranno stabilire le proprie procedure.

Ciò comporta un processo di applicazione e due diligence da parte del governo, anche se i dettagli dipenderanno dal fatto che un’entità sia istituita come mainland o free zone.

Il governo vuole anche costruire un ecosistema per il crypto mining, un’industria che ha attirato l’attenzione degli ambientalisti e dei legislatori a livello globale a causa del suo alto consumo di elettricità e il conseguente impatto sulle emissioni di gas serra.

Binance ha già costruito un team locale, con l’amministratore delegato Changpeng “CZ” Zhao che è diventato rapidamente un appuntamento fisso in città. 

Nel frattempo, l’exchange Kraken, con sede a San Francisco, sta reclutando un amministratore delegato per il Medio Oriente e il Nord Africa con sede ad Abu Dhabi.

Gli Emirati Arabi Uniti sono il terzo più grande mercato di criptovalute del Medio Oriente, dopo la Turchia e il Libano, con un volume di transazioni di circa 26 miliardi di dollari, secondo i dati compilati da Chainalysis da luglio 2020 a giugno 2021.

Mentre l’impronta cripto della regione è relativamente piccola in termini globali, i dati dimostrano che è cresciuta di circa il 1.500% rispetto all’anno precedente.

https://www.prestigeintercorp.com/emirates

Di Andy

International Tax Planner and Offshore Services Provider.