trust ed imposta donazione
Spread the love

Trust ed imposta di donazione 

Continua il mancato coordinamento tra uffici delle Entrate e sentenze della Cassazione. 

Già da alcuni anni la Cassazione ha stabilito e ripetuto che all’atto di dotazione di un trust non si deve applicare l’imposta di donazione ma bensì l’imposta di registro nella misura fissa di 200 euro, indipendentemente dalla struttura e dallo scopo del trust.

Nel caso di beni immobili anche l’imposte ipotecaria e catastale sono dovute nella misura di 200 euro cadauna. 

Anche in una ultima ordinanza (22182/2020) la Cassazione ha ribadito quanto sopra, riferito in questo caso ad un trust auto-dichiarato, ossia un trust dove il disponete nomina sé stesso quale trustee. 

Nello specifico la Suprema Corte fa notare la falsa applicazione da parte dell’Agenzia delle Entrate  dell’art 2 del d.l. 262 del 2006 in relazione all’art. 360, comma 1 n.3, c.p.c.

Nell’ambito applicativo di tale norma l’imposta di successione donazione si applica in caso di “costituzione di nuovi vincoli di destinazione” e ciò potrebbe benissimo essere applicato alla dotazione di un trust, va però fatto notare che l’attribuzione patrimoniale deve essere stabile e reale e non meramente strumentale. 

Il trasferimento di beni a favore di un trust non attribuisce un nuovo patrimonio in capo al trustee, ma attua semplicemente gli scopi di segregazione e costituzione del vincolo di destinazione. 

L’imposta di successione e donazione si applicherà quindi nel momento in cui il trustee disporrà trasferimenti a favore dei beneficiari. 

Hai necessità di una consulenza personalizzata?

Compila il form a questa pagina, riceverai un utile OMAGGIO e potrai fissare una consulenza GRATUITA di mezz’ora con me.

https://it.prestigeintercorp.com/welcome

Di Andy

International Tax Planner and Offshore Services Provider.