tassazione criptovalute portogallo
Spread the love

Secondo un rapporto di Bloomberg, la proposta di bilancio 2023 del Portogallo definisce una nuova tassazione per gli investimenti in criptovalute.

Una disposizione suggerisce di tassare i guadagni sulle criptovalute detenute per meno di un anno con un’aliquota del 28%.

Altre parti della bozza di bilancio suggeriscono che l’emissione e il mining di criptovaluta producono reddito imponibile. Il bilancio suggerisce anche una tassa del 10% sui trasferimenti di criptovalute e un’aliquota del 4% sulle commissioni dei broker di criptovalute.

Anche se il Portogallo potrebbe introdurre una tassazione sugli investimenti in criptovalute a breve termine, quelle detenute per più di un anno rimarranno non tassate. 

Il Segretario di Stato per gli Affari Fiscali António Mendonça Mendes ha dichiarato che questo approccio “si adatta al nostro sistema fiscale e anche a ciò che viene fatto nel resto d’Europa”.

La Germania, in particolare, ha una regola simile che esenta dalla tassazione le criptovalute detenute per più di un anno.

Finora il Portogallo è stato considerato un paradiso fiscale per le criptovalute. 

Attualmente non impone tasse alla maggior parte degli investitori in criptovalute, a meno che non traggano profitto da investimenti di tipo professionale o commerciale.

Secondo la Reuters, l’ultima bozza di bilancio del Portogallo affronta anche altri settori dell’economia al di fuori degli investimenti in criptovalute. 

Il Portogallo prevede un rallentamento dell’economia, ma spera di ridurre il deficit di bilancio dall’1,9% del 2022 allo 0,9% del prossimo anno.

Il progetto di bilancio deve ancora essere approvato dal Parlamento portoghese.

Di Andy

International Tax Planner and Offshore Services Provider.