servizi di pagamento obblighi
Spread the love

Dal 1° gennaio 2024 i prestatori di servizi di pagamento saranno sottoposti a nuovi obblighi di conservazione della documentazione relativa ai pagamenti transfrontalieri dei loro clienti, secondo quanto stabilito dalla Direttiva (UE) 2020/284.

L’obbligo scatterà al superamento della soglia dei 25 pagamenti a trimestre verso singolo beneficiario, provenienti da un Paese diverso da quello della sua localizzazione. 

Il motivo di questi nuovi obblighi per i servizi di pagamento prende forma da una più incisiva lotta alle frodi iva nel commercio elettronico transfrontaliero attraverso un maggiore scambio di informazioni tra Stati membri e tra Stati membri ed operatori.

Non riuscendo a controllare il consumatore (esso non ha obblighi contabili), l’unico soggetto che nella catena detiene tutte le informazioni utili ai fini fiscali -e che non ha interesse a coprire una frode- diventa quindi il prestatore di servizi di pagamento. 

Questo, per poter gestire la transazione, deve ottenere dal pagatore tutti i dati necessari per identificare il beneficiario del pagamento: numero di conto, IBAN, nome del beneficiario, Stato di destinazione. 

Il prestatore di servizi di pagamento, al presentarsi dei presupposti già citati, sarà obbligato a conservare tutti i dati delle transazioni per un periodo di tre anni, e di metterli a disposizione delle autorità anti frode su loro richiesta. 

Oltre alle informazioni identificative del beneficiario (e del disponente ovviamente) saranno memorizzati i seguenti dati: 

– data ed ora della rimessa

– importo e valuta

– stato di origine/destinazione del pagamento 

– ogni altro riferimento che individui il pagamento

Ma chi sono i “prestatori di servizi di pagamento” e cosa si intende per “servizi di pagamento”?

Entrambi vengono definiti precisamente dalla Direttiva (UE) 2015/2366.

Sono “prestatori di servizi di pagamento”: banche, istituti di moneta elettronica, istituti di pagamento, uffici postali.

Sono “servizi di pagamento”: addebiti diretti, operazioni di pagamento mediante carte o dispositivi simili, bonifici, ordini permanenti, emissione di strumenti di pagamento, rimesse di denaro, servizi che permettono di depositare/prelevare denaro.

Di Andy

International Tax Planner and Offshore Services Provider.