Profit shifting
Spread the love

Le operazioni di profit shifting sono in costante aumento a livello globale, nonostante le importanti iniziative politiche dell’OCSE e la riforma dell’imposta sulle società negli Stati Uniti, è quanto emerge da un nuovo studio.

Il documento – pubblicato dall’Istituto mondiale di ricerca sull’economia dello sviluppo dell’Università delle Nazioni Unite (UNU-WIDER) – è costruito su una serie temporale di dati che copre il periodo 2015-19, durante il quale sono stati attuati importanti sforzi internazionali per frenare il profit shifting. Gli autori del documento sono Ludvig Wier e Gabriel Zucman.

Lo studio rileva che nel 2019 – quattro anni dopo l’attuazione del processo BEPS e due anni dopo il Tax Cuts and Jobs Act – non si è registrato un calo evidente del profit shifting operato delle multinazionali statunitensi (che rappresentano circa la metà del profit shifting globale) rispetto al 2015.

“Naturalmente, è possibile che senza il BEPS e il Tax Cuts and Jobs Act il profit shifting avrebbe continuato ad aumentare; non sosteniamo che queste iniziative non abbiano avuto alcun effetto. Tuttavia, il loro effetto sembra essere stato finora insufficiente a portare a una riduzione dell’ammontare dei profitti spostati offshore”, si legge nel documento.

“Questo dato suggerisce la necessità di ulteriori iniziative politiche per ridurre in modo significativo il trasferimento dei profitti, come ad esempio l’implementazione dell’imposta minima globale sulle società che più di 130 Paesi hanno sottoscritto nel 2021, ma che ora rimane nel limbo in quanto bloccata nell’UE e negli USA”, ha spiegato Wier, uno degli autori dello studio.

Il documento rileva che i profitti aziendali globali sono cresciuti molto più velocemente del reddito globale tra il 1975 e il 2019. “La quota dei profitti sul reddito globale è aumentata di un terzo in questo periodo, passando da circa il 15% a quasi il 20%. Questo aumento è dovuto sia all’incremento della quota di produzione globale originata dalle imprese sia all’aumento della quota di capitale della produzione aziendale”, si legge.

“La rapida crescita dei profitti societari significa che se l’aliquota effettiva dell’imposta sul reddito delle società fosse rimasta costante, il gettito fiscale globale delle società (come frazione del reddito globale) sarebbe dovuto aumentare di circa un terzo dal 1975. In realtà, la riscossione delle imposte sulle società ha ristagnato rispetto al reddito globale, ovvero l’aliquota effettiva globale è diminuita di circa un terzo”.

Il documento osserva che c’è stato un forte aumento dei profitti multinazionali, definiti come profitti contabilizzati dalle società in un Paese diverso dalla loro sede centrale. La quota dei profitti multinazionali sui profitti globali è più che quadruplicata dal 1975, passando da circa il 4% a circa il 18%. “Questa evoluzione riflette l’ascesa delle imprese multinazionali”, si legge.

“C’è stata un’impennata nella frazione di profitti multinazionali spostati verso i paradisi fiscali”. Secondo il documento, questa frazione è passata da meno del 2% negli anni ’70 al 37% nel 2019″.

“Poiché gli stessi profitti delle multinazionali sono aumentati molto più rapidamente di quelli globali, la frazione dei profitti globali (multinazionali e non) spostati verso i paradisi fiscali è aumentata dallo 0,1% a circa il 7%. Coerentemente con questi risultati, il documento stima che l’imposta sulle società persa a causa del trasferimento dei profitti globali sia aumentata da meno dello 0,1% delle entrate fiscali delle società negli anni ’70 al 10% nel 2019”, si legge.

Di Andy

International Tax Planner and Offshore Services Provider.