IRS tassazione criptovalute
Spread the love

L’Internal Revenue Service (IRS) degli Stati Uniti ha aggiornato le bozze delle istruzioni per l’anno fiscale 2022 per facilitare la compilazione della dichiarazione dei redditi nella voci relative alle criptovalute.

Questa settimana, la divisione fiscale del Dipartimento del Tesoro ha pubblicato un documento che classifica i token non fungibili (NFT) come beni digitali, insieme alle valute virtuali come gli stablecoin.

“Gli asset digitali sono rappresentazioni digitali di valore registrate su una rete distribuita e crittograficamente protetta o su una tecnologia simile. Ad esempio, gli asset digitali comprendono i token non fungibili (NFT) e le valute virtuali, come le criptovalute e gli stablecoin. Se un determinato bene ha le caratteristiche di un bene digitale, sarà trattato come un bene digitale ai fini dell’imposta federale sul reddito”, si legge nel documento.

Un NFT è una rappresentazione digitale di un oggetto da collezione, una merce, un’opera d’arte, un brano musicale o un videoclip memorizzati sulla blockchain. Gli NFT sono diventati una parola di moda durante la pandemia, con l’afflusso di celebrità che cercavano altre strade per monetizzare la loro base di fan.

Da allora, le aziende tradizionali, tra cui marchi di abbigliamento sportivo e di moda come Nike e Gucci, nonché i produttori di auto di lusso Lamborghini, Ferrari e Bently, hanno fatto la loro incursione nel mondo del web3 con gli NFT.

Le autorità di regolamentazione statunitensi tengono d’occhio lo spazio degli NFT per colmare eventuali lacune che potrebbero servire come vie per l’evasione fiscale o come fonte di reddito per i truffatori.

La scorsa settimana, la Securities and Exchange Commission (SEC) ha avviato un’indagine su Yuga Labs per determinare quali NFT rientrano nella stessa categoria delle azioni. All’inizio di quest’anno, anche la Capital Markets Authority statunitense ha avviato un’indagine sugli NFT, concentrandosi in particolare sugli NFT frazionari, considerati titoli.

Gli Stati Uniti non sono l’unico Paese ad aver riconosciuto gli NFT come elementi imponibili. A febbraio, l’India ha introdotto una tassa del 30% sugli NFT, tra gli asset virtuali. Nello stesso mese, anche Singapore ha rivelato che avrebbe tassato gli NFT come parte dell’imposta sul reddito delle persone fisiche. A marzo, Israele è salito sullo stesso treno, ma ha classificato la tassazione degli NFT come imposta sulle plusvalenze.

https://www.prestigeintercorp.com/delaware-llc

Di Andy

International Tax Planner and Offshore Services Provider.