i dati bancari italiani sono un libro aperto
Spread the love

I dati bancari italiani sono un libro aperto, lo riporta in un articolo Italia Oggi.

Dopo Agenzia delle Entrate, Guardia di Finanza e Concessionari di riscossione, oggi anche gli Enti Locali avranno libero accesso ai dati bancari dei contribuenti italiani.

A conseguenza di ciò un numero sempre maggiore di individui, spesso incompetenti e molto propensi alle chiacchiere di paese, potrà sbirciare sui tuoi conti bancari.

Il via libera all’accesso alle informazioni contenute nel c.d. archivio dei rapporti finanziari dell’anagrafe tributaria ai comuni ed agli enti locali è arrivato grazie al maxi-emendamento al decreto semplificazioni 76/2020.

Ma quali sono le informazioni contenute nell’archivio dei rapporti finanziari?

Banche, Poste Italiane, intermediari finanziari comunicano costantemente in via telematica le informazioni riguardanti l’ammontare delle operazioni effettuate, i saldi iniziali, finali ed intermedi di ogni singolo rapporto.

Un Grande Fratello che oltre a controllare costantemente ogni singolo euro che movimenti sul tuo conto, da anche la possibilità ad un ampia platea di individui di attingere a queste informazioni.

Il tuo conto bancario, da oggi, è a piena disposizione dello Stato. Pensaci la prossima volta che userai la tua carta di credito.

Purtroppo però come abbiamo visto nell’articolo pubblicato ieri , se da un lato un conto bancario europeo ti può dare un leggero livello di privacy -certamente maggiore di un conto italiano-, d’altra parte non ti proteggerà da ordini di sequestro conservativo.

Come proteggere quindi i propri averi?

Se cerchi privacy e protezione devi nuovamente rivolgerti al “vecchi sistemi”. No, non parlo di andare a Lugano con il borsone di banconote.

Parlo delle banche offshore. Ad oggi, nonostante vi siano certamente implicazioni con il CRS, una banca offshore ti offre la miglior protezione possibile.

Ti stupirà inoltre sapere che un’ottima nazione ove basare la propria struttura di protezione patrimoniale sono gli Stati Uniti, Paese che non aderisce al protocollo di scambio automatico di informazioni finanziarie.

Fonte : Italia Oggi

Di Andy

International Tax Planner and Offshore Services Provider.