hong kong
Spread the love

La recente visita di un megayacht russo a Hong Kong fa ipotizzare che la città potrebbe diventare un rifugio per oligarchi e funzionari che si nascondono dalle sanzioni occidentali.

Il Nord – un’imbarcazione da 500 milioni di dollari legata al miliardario russo Alexei Mordashov – ha trascorso poco più di tre settimane nel territorio cinese prima di ripartire giovedì scorso.

Mordashov è uno dei magnati vicini al presidente russo Vladimir Putin che sono stati sanzionati da Stati Uniti, Unione Europea e Gran Bretagna in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

Quest’anno diverse giurisdizioni hanno sequestrato yacht e altri beni di oligarchi russi. Ma Hong Kong ha chiarito che non farà lo stesso, affermando invece di implementare solo le sanzioni delle Nazioni Unite, non quelle “unilaterali”.

Ciò ha provocato un rimprovero da parte di Washington, secondo cui la reputazione di Hong Kong come centro d’affari internazionale potrebbe essere danneggiata.

Ma Maira Martini, esperta di riciclaggio presso Transparency International, ha affermato che la città è stata a lungo una giurisdizione utile per coloro che “vogliono nascondere beni e riciclare denaro sporco”.

Ha citato la “facilità con cui Hong Kong incorpora società di comodo che possono essere utilizzate per stratificare i fondi e oscurare i veri proprietari”.

“La recente dichiarazione del governo di non essere interessato ad attuare le sanzioni rende Hong Kong un’opzione ancora più allettante per le élite russe”, ha dichiarato all’AFP.

Il leader della città John Lee e altri alti funzionari sono a loro volta sulla lista nera di Washington per il ruolo svolto nella repressione delle libertà politiche.

Una parte importante dell’attrattiva di Hong Kong è la facilità con cui è possibile creare società: circa 1,4 milioni di imprese sono domiciliate nella città.

Non è necessario che gli amministratori vi risiedano e le società possono registrarsi tramite Corporate Services Provider, rendendo più facile mascherare la vera proprietà.

I Panama Papers del 2016 hanno rivelato quanto siano cruciali le shell company a Hong Kong per coloro che vogliono nascondere la ricchezza ed evitare la tassazione.

Le imprese registrate a Hong Kong sono anche apparse ripetutamente negli elenchi di sanzioni degli Stati Uniti e di altri Paesi.

Il mese scorso il Tesoro americano ha citato 10 società presumibilmente coinvolte nell’aiutare l’Iran a vendere prodotti petroliferi, soprattutto alla Cina. Tre di esse avevano sede a Hong Kong.

Quando l’AFP ha controllato i loro documenti presso il Registro delle imprese della città, tutte erano a loro volta intestate a società offshore.

Due avevano amministratori di nazionalità indiana, mentre l’altra era di proprietà di un cittadino della Repubblica Dominicana residente nella provincia cinese dello Zhejiang. Pochi altri dati pubblici erano disponibili.

David Webb, un investitore attivista di Hong Kong, ha affermato che la città avrà “molta concorrenza a riguardo, tra cui Dubai e Singapore“.

Di Andy

International Tax Planner and Offshore Services Provider.