Hong Kong
Spread the love

Hong Kong è “nuovamente aperta agli affari”: questo è stato il messaggio ufficiale del Global Financial Leaders’ Investment Summit dell’Autorità Monetaria di Hong Kong, che ha preso il via con una serie di incontri correlati questa settimana, dopo le prolungate limitazioni dovute alla pandemia. Ma l’evento, che ha portato in città i massimi dirigenti bancari, ha anche scatenato le critiche dei sostenitori dei diritti umani.

Il tema del vertice, “navigare oltre l’incertezza”, si è rivelato preveggente dopo un inizio difficile, con notizie di alcuni dirigenti che si sono ritirati all’ultimo minuto. Mentre la settimana volge al termine, resta da vedere quanto questo messaggio sia stato convincente.

Il summit e gli eventi circostanti fanno seguito alle critiche per le settimane di quarantena e i divieti di volo durante la pandemia – uno dei fattori che hanno portato all’esodo dalla città, che ha visto i professionisti trasferirsi a Singapore e in altri mercati come il Giappone.

Durante il discorso di apertura di mercoledì, il capo dell’esecutivo di Hong Kong, John Lee, ha fatto una sorta di vendita a tappeto dei vantaggi di Hong Kong, sottolineando la connettività della città con il resto della Cina, l’accesso ai mercati finanziari e le attrazioni locali come il cibo e l’intrattenimento.

Lee ha accennato brevemente al movimento di protesta pro-democrazia del 2019, affermando che “la legge e l’ordine sono tornati, il peggio è alle spalle”.

“La libertà di parola, di stampa e di riunione sono sancite e protette dalla legge fondamentale”, ha detto a una folla silenziosa di circa 200 persone.

I gruppi per i diritti hanno criticato i presenti, suggerendo che la loro presenza ha dato credibilità a un regime autoritario e brutale. 

Ma Surya Deva, esperto di affari e diritti umani presso la Macquarie Law School di Sydney e precedentemente residente a Hong Kong, ha affermato che, sebbene le imprese che parteciperanno al summit “dovranno probabilmente affrontare alcuni attacchi da parte dei gruppi della società civile e una pubblicità negativa nei media occidentali, è improbabile che abbiano un impatto negativo significativo o duraturo”.

Samuel Bickett, un sostenitore dei diritti umani ed ex direttore della compliance della Bank of America Merrill Lynch, che quest’anno è stato espulso da Hong Kong dopo aver scontato una pena detentiva per aver aggredito un agente di polizia in borghese nel 2019, ha affermato che la partecipazione dei leader aziendali è stata probabilmente una decisione calcolata.

“Hanno valutato il rischio di subire maggiori ripercussioni dal governo cinese se non partecipano, rispetto a quelle che pensano di subire dai loro mercati nazionali, dal governo o dall’opinione pubblica se partecipano”, ha detto Bickett.

Deva ha fatto eco a questo concetto.

“Le aziende tendono ancora a usare i diritti umani come merce di scambio per aumentare i profitti: Parlano di questioni relative ai diritti umani in base alla loro convenienza commerciale”, ha affermato.

Tuttavia, i media hanno subito notato l’assenza dell’amministratore delegato di Barclays, C.S. Venkatakrishnan, che ha saltato il suo viaggio in Asia, nonché dell’amministratore delegato di Citigroup, Jane Fraser, e del presidente di Blackstone, Jonathan Gray, che ha saltato l’evento dopo aver contratto, secondo quanto riportato, il COVID-19.

Mentre alcuni leader aziendali hanno evitato le questioni politiche, il presidente di UBS Group Colm Kelleher ha chiarito la sua posizione durante una tavola rotonda mercoledì con David Solomon di Goldman Sachs e James Gorman di Morgan Stanley, affermando: “Siamo tutti molto favorevoli alla Cina”.

“Non leggiamo la stampa americana, tutti compriamo la storia (della Cina)”, ha detto Kelleher, riferendosi ai commenti fatti in precedenza da Fang Xinghai, vicepresidente della China Securities Regulatory Commission, che consigliava ai partecipanti di non leggere i media internazionali quando seguivano gli sviluppi della Cina.

Lloyd Chan, economista senior di Oxford Economics, ha affermato che la posizione economica di Hong Kong è rimasta solida nonostante una serie di sfide.

“Nonostante le restrizioni COVID, le tensioni tra Stati Uniti e Cina e l’applicazione della legge sulla sicurezza nazionale, Hong Kong è riuscita a mantenere la sua posizione di hub finanziario globale, anche se ha perso un po’ di competitività nei confronti di Singapore“, ha dichiarato Chan.

“Le banche straniere hanno mantenuto una presenza significativa a Hong Kong, mentre non si registrano deflussi di capitale significativi dal settore bancario”, ha aggiunto, prevedendo che un più stretto accesso reciproco attraverso programmi di collegamento trans-frontaliero tra Hong Kong e il resto della Cina genererà maggiori opportunità commerciali.

Fonte: Japan Times

Di Andy

International Tax Planner and Offshore Services Provider.