finanza islamica sud est asiatico
Spread the love

La domanda di servizi bancari offerti dalla Finanza Islamica è in crescita a livello globale, in particolare nel Sud-est asiatico ed in Nigeria in concomitanza con un aumento globale della consapevolezza degli investimenti ambientali, sociali e di governance (ESG).

Gli operatori del settore dei servizi finanziari islamici hanno tracciato analogie tra i valori della finanza islamica e le recenti tendenze della sostenibilità.

“L’attività bancaria islamica cerca di promuovere e creare un sistema finanziario equo, in quanto si basa sui valori della correttezza delle transazioni commerciali, come la trasparenza, la piena divulgazione delle transazioni e degli accordi, l’assenza di sfruttamento e il trattamento equo del cliente”, ha dichiarato Norzulkarnien bin Nor Mohamad, responsabile dell’attività bancaria islamica di Maybank Singapore.

“È qui che l’Islamic banking è rilevante ed essenziale nell’ambiente odierno, in quanto costruiamo modelli di business basati su valori che integrano sia i principi ESG che quelli della Sharia”, ha aggiunto.

I prodotti finanziari islamici sono sviluppati con caratteristiche non disponibili nelle soluzioni convenzionali equivalenti, come l’assenza di capitalizzazione delle spese di mora o di ritardo, il tetto massimo del tasso di interesse sui prodotti di finanziamento o di prestito islamici e l’assenza di commissioni di impegno per le linee di credito.

La finanza islamica è una componente importante dell’economia islamica nel suo complesso, che comprende altri aspetti tra cui i prodotti halal, i media e la moda modesta. I servizi di finanziamento islamico devono essere conformi alla legge islamica (o Sharia).

Secondo l’Islamic Financial Services Industry Stability Report 2021 dell’Islamic Financial Services Board (IFSB), si stima che l’industria globale dei servizi finanziari islamici avrà un valore di 2.700 miliardi di dollari nel 2022, con una crescita del 10,7% su base annua, nonostante il rallentamento globale dovuto alla pandemia.

Circa un quarto di tutti gli asset della finanza islamica si concentra nel Sud-est asiatico, rendendo la regione il secondo mercato più grande per i finanziamenti islamici, dopo il Consiglio di Cooperazione del Golfo (GCC). Entrambe le regioni hanno una popolazione musulmana relativamente numerosa.

Gli osservatori del settore hanno notato che la tendenza alla sostenibilità ha aumentato la consapevolezza del finanziamento islamico non solo all’interno della comunità musulmana, ma anche tra gli investitori non musulmani.

Tra i principi fondamentali della finanza islamica vi è quello di evitare pratiche dannose e redditi provenienti da attività non conformi alla Sharia, come la produzione di alcol e tabacco. Gli investimenti dovrebbero anche andare a beneficio di una comunità più ampia, invece di concentrarsi solo sui rendimenti.

Tra le aree di grande potenziale della finanza islamica vi sono le obbligazioni islamiche, o Sukuk. Il Sud-est asiatico è il più grande mercato per le emissioni di queste obbligazioni, con il 42% del volume totale emesso nel 2020.

Nel periodo di un anno compreso tra luglio 2021 e giugno 2022, nel Sud-est asiatico sono stati raccolti 21,6 miliardi di dollari di proventi da Sukuk, attraverso 191 emissioni (dati Refinitiv).

Secondo un rapporto di Fitch Ratings, i Sukuk ESG rimarranno probabilmente un tema di emissione chiave nel mercato obbligazionario. Si prevede che nei prossimi 5 anni i Sukuk ESG rappresenteranno il 5% del mercato globale relativo ai Sukuk, rispetto all’attuale 2,6%.

Tra gli emittenti di Sukuk legati agli ESG figurano il governo indonesiano e la Banca islamica di sviluppo e le imprese malesi. 

L’ecosistema islamico ESG della Malesia è anche uno dei più sviluppati tra i Paesi a maggioranza musulmana, avendo emesso il primo Sukuk verde in assoluto nel 2017 ed essendo il primo tra i mercati core a emettere un quadro ESG nel 2014.

L’Indonesia, che ha la più grande popolazione musulmana al mondo, mira a diventare la prima economia islamica del mondo. Alla fine del terzo trimestre del 2020, il settore bancario islamico del Paese aveva un valore di 37,7 miliardi di dollari.

Nel 2021, l’Indonesia ha fuso tre banche shariatiche di proprietà statale – Bank Syariah Mandiri, BNI Syariah e BRI Syariah – per formare Bank Syariah Indonesia (BSI). La mossa dovrebbe dare impulso al settore finanziario islamico e attrarre nuovi investimenti di capitale. BSI ha una capitalizzazione di mercato di 62,9 trilioni di rupie (5,9 miliardi di dollari) alla Borsa di Indonesia.

https://www.prestigeintercorp.com/singapore

Di Andy

International Tax Planner and Offshore Services Provider.