Economic Substance
Spread the love

Il Ministero delle Finanze degli Emirati Arabi Uniti (MoF) ha annunciato i dettagli della risoluzione di Gabinetto relativa al nuovo regolamento sulla Economic Substance.

La risoluzione è stata emanata in consultazione con l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) e con il Gruppo del Codice di Condotta dell’Unione Europea, al fine di regolamentare le società che svolgono una o più attività identificate come “rilevanti”.

Younis Haji Al Khoori, Sottosegretario del Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha osservato che qualsiasi società soggetta alla regolamentazione dell’ Economic Substance deve attenersi alle disposizioni della risoluzione.
Ciò riafferma l’impegno degli Emirati Arabi Uniti ad aderire alle politiche fiscali, ad applicare gli standard fiscali internazionali e ad affrontare l’evasione fiscale.

In base a questa risoluzione, l’Autorità fiscale federale degli EAU (AFC) è stata nominata come Autorità nazionale di valutazione dell’Economic Substance.

In questa veste, l’AFC avrà la responsabilità principale di valutare se le stabili organizzazioni e le società Emiratine hanno soddisfatto i requisiti dell’ Economic Substance. Le autorità di regolamentazione continueranno ad essere responsabili della raccolta e della verifica delle informazioni relative ai loro licenziatari e assisteranno l’AFC nello svolgimento del suo ruolo di Autorità Nazionale di Valutazione.

Le persone fisiche, le imprese individuali e le altre forme di business che non sono entità giuridiche non rientrano più nell’ambito di applicazione della normativa degli EAU in materia di sostanza economica.

Il regolamento fornisce un elenco di entità che sono esenti dall’obbligo di presentare un rapporto VES e di soddisfare l’Economic Substance Test. I “Licenziatari esentati” includono le società degli EAU che sono residenti fiscali al di fuori degli EAU e i fondi di investimento e le loro sottostanti SPV / entità di partecipazione agli investimenti.

Sono incluse anche le imprese interamente di proprietà di residenti negli EAU che non fanno parte di un gruppo multinazionale e che svolgono attività commerciali solo negli EAU, nonché le succursali negli EAU di una società straniera – se il reddito rilevante della succursale è soggetto a tassazione nella giurisdizione straniera.

È stata modificata anche la definizione di “centro di coordinamento e distribuzione”, che attualmente include le aziende che acquistano materie prime o prodotti finiti da una società estera del gruppo e li distribuiscono a parti collegate o non collegate negli EAU o altrove, indipendentemente dal fatto che tali materie prime o prodotti finiti siano importati negli EAU; e/o le aziende che forniscono servizi a una società estera del gruppo, senza il precedente requisito che la fornitura di servizi sia in connessione con l’attività della società estera del gruppo al di fuori degli EAU.

Un “High Risk Intellectual Property Licensee” è definito come un’azienda che soddisfa tutte le seguenti condizioni:

-l’azienda non ha creato la proprietà intellettuale;

-l’azienda ha acquistato la proprietà intellettuale da una persona collegata o in considerazione del finanziamento di ricerca e sviluppo da parte di un’altra persona situata in una giurisdizione straniera;

-l’azienda ha venduto la proprietà intellettuale ad una persona collegata, o guadagna un reddito separatamente identificabile da una persona collegata straniera in relazione all’uso o allo sfruttamento della proprietà intellettuale.

Tutto ciò non deve spaventare o far pensare che gli Emirati “siano morti” come giurisdizione offshore. Anzi, queste regolamentazioni servono a rafforzare la protezione offerta da queste nazioni.
Ricordo che già Cayman, Belize, British Virgin Islands adottano una simile regolamentazione.
Una volta adattata -se necessario- la propria azienda a queste nuove regole si avrà la sicurezza di poter operare con una struttura “approvata” dalla stessa OCSE.

Se sei titolare di una società negli Emirati o se vuoi esplorare le opportunità offerte da questa nazione contattami pure, ho pronto per te un utile omaggio.

Buon Business!

Di Andy

International Tax Planner and Offshore Services Provider.