Cina G7
Spread the love

In occasione del G7 della settimana scorsa la Cina ha ammonito i partecipanti, affermando che i giorni in cui “piccoli” gruppi di paesi decidevano il destino del mondo sono finiti da tempo.

“Noi crediamo sempre che i paesi, grandi o piccoli, forti o deboli, poveri o ricchi, siano uguali, e che gli affari mondiali dovrebbero essere gestiti attraverso la consultazione di tutti i paesi”.

Questa reazione a seguito del piano avanzato dal G7 per imporre una tassa minima globale sulle società e un giro di vite collettivo sull’elusione, sostenendo che ciò aiuterebbe ad affrontare la disuguaglianza.

I leader del G7 hanno approvato un accordo raggiunto dai loro ministri delle finanze per adottare una base minima per l’imposta sulle società del 15%. Base minima su cui già Irlanda e Cipro (per citarne una paio) minacciano dura battaglia.

“Con questo, abbiamo fatto un passo significativo verso la creazione di un sistema fiscale più equo adatto al 21° secolo, e invertendo una corsa al ribasso durata 40 anni”,si legge nella nota conclusiva.

“La nostra collaborazione creerà una maggiore parità di condizioni, e aiuterà a raccogliere più entrate fiscali per sostenere gli investimenti e a reprimere l’evasione fiscale”.

La proposta, che ora va alle nazioni del G20 che si incontreranno in Italia il mese prossimo, ha lo scopo di strappare più tasse alle multinazionali, specialmente ai giganti della tecnologia. 

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha accolto con favore lo sviluppo, dicendo: “Troppe aziende sono state impegnate in quelli che sono essenzialmente risparmi fiscali, decidendo arbitrariamente di pagare meno del dovuto”.

Quella del G7 e del G20 non sarà una battaglia facile. Dietro la facciata dell’equità si nasconde un moderno colonialismo. Le scelte politiche, fiscali, economiche, operate da una nazione non dovrebbero divenire sindacabili da altri. 

Imporre un’imposta minima significa limitare le opportunità di sviluppo di molte piccole nazioni, dei paesi emergenti al fine di mantenerli sotto il controllo economico dei più grandi e sviluppati. 

https://www.prestigeintercorp.com/

Di Andy

International Tax Planner and Offshore Services Provider.